イタリアの最新のニュースを読みたい、イタリアの文化に触れたいあなたへ。

Kimono che raccontano le guerre nipponiche: Patto Tripartito-1

Kimono a motivi di guerra

“Kimono a motivi di guerra” è un nome generico per i kimono, gli obi, le biancherie, le fodere di cuscino, gli asciugamani, i furoshiki e i fazzoletti con disegni legati alle guerre moderne utilizzati tra il 1894 e il 1942.

Erano indossati da uomini ricchi o da donne che lavoravano nei quartieri a luci rosse.

I disegni militari erano considerati portafortuna per i ragazzi perché il militare spianava la strada per il successo indipendentemente dalla loro provenienza sociale.

Inoltre, durante la prima guerra mondiale vi fu un drammatico aumento delle armi moderne come gli aerei e i carri armati.

I bambini amano le cose in movimento proprio come i giocattoli, e questa cosa portò alla nascita di un genere di kimono a motivi di guerra per i ragazzi.

Intorno al 1920, la produzione e il consumo dei kimono divennero più attivi e i disegni di guerra divennero più vari e ampi.

I motivi di guerra apparvero sui kimono delle donne e persino su quelli delle bambine.

In questi vengono riprodotti in dettaglio le pistole, gli equipaggiamenti audi, i portaerei, gli incrociatori, gli aerei combattenti, i bombardieri, gli aerei da ricognizione, ecc.

Sebbene esistessero vari tipi di kimono a motivi di guerra come quelli sopracitati, dopo la sconfitta della seconda guerra mondiale vennero trattati come se non fossero mai esistiti.

La ricerca su questo tipo di kimono che iniziarono ad apparire sul mercato dell’antiquariato, iniziò gradualmente intorno al 1990.

In questo blog presenterò in 3 articoli 8 disegni relativi al Patto Tripartito dal libro chiamato “Images of War; Kimono” scritto dalla prof.ssa Yoshiko Inui pubblicato nel 2007.

① Patto Anti-Comintern oppure Patto Tripartito

Germania, Italia e Giappone hanno fatto il Patto Anti-Comintern nel 1937, e l’hanno sviluppato come il Patto Tripartito nel 1940.

Questo disegno è stato creato per celebrare uno di questi due eventi.

La corazzata tedesca ha la bandiera di croce di ferro.

Sulla nave italiana c’è una figura di marinaio.

L’aeroplano giapponese è aereo tipo 96, combattente terreno della marina militare.

Questo è lo stesso tipo dell’aeroplano chiamato “Nippon-go” che ha realizzato il viaggio intorno al mondo nel 1939 e che ha affondato la corazzata inglese “Prince of Wales” sulla penisola malese nel 1941.

Questa vincita giapponese ha motivato il desiderio di guerra che ha portato all’inizio della seconda guerra mondiale.

In quell’epoca i piloti venivano chiamati “Aquila selvaggia marina” ed avevano successo tra la popolazione giapponese.

Persino un cartone animato che li ritraeva, “Momotaro no Umiwashi” è stato creato nel 1942.

Nella situazione severa durante la guerra, anche se è fatto in bianco e nero, hanno creato questo cartone di 33 minuti perché ci tenevano molto e non hanno risparmiato soldi per propaganda di questo tipo.

Yuji Kozeki, il compositore di “Distruggimento della corazzata inglese” ha collaborato per creare la musica del cartone.

⓶ Gli eserciti e le marine militari, e Patto Anti-Comintern

La corazzata è chiamato Nagato (長門).

L’aeroplano che vola accanto con il float è un aereo da ricognizione sul mare 90-2.

La locomotiva con il numero “C5270” è giapponese e accanto a questa volano gli aerei combattenti terreni mimetici con i due impennaggi.

I disegni della croce gammata e la bandiera italiana vengono disegnati sul Kimono e questo disegno intero celebra la proclamazione del accordo e dimostra la figura coraggiosa degli eserciti e delle marine militari.

Continua a leggere il secondo articolo>>Kimono che raccontano le guerre nipponiche: Patto Tripartito 2

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *